Quando si pensa ad un gioco da tavolo, la prima immagine che ci si presenta è quella di una competizione al cardiopalma in cui si rompono amicizie, si rovesciano tavoli e si ingaggiano duelli da Far West per stabilire chi è il vero vincitore in caso di parità, quando non c’è una regola per lo spareggio.
A tutto questo c’è un’alternativa: quella di convogliare tutta questa energia negativa verso il vero “nemico”, il gioco stesso! Nei cooperativi, per vincere, si dovrà perseguire un obiettivo comune: non si vincerà mai come singoli, ma solo come gruppo.
A noi Dude questo modo di giocare piace molto e siamo certi che tra questi 4 Cooperativi ne troverete almeno uno che farà al caso vostro! Buon gioco!

Il consiglio di Tia

cover

Black Orchestra

Punti azioneUso di dadiCooperativoGestione manoCollezione set

Ammazzate Hitler prima che sia troppo tardi.

Tia 23/06/02022

Come fermerete Hitler?
Avvelenando il cibo che mangerà durante un convegno?
Posizionando una valigetta esplosiva nel palazzo in cui riposa?
Facendo deragliare il treno con il quale si sta spostando da Monaco a Berlino?
L'importante è farlo, farlo bene e farlo in fretta.
Avete solamente 7 anni per collaborare assieme e organizzare l'attentato che libererà la Germania e il mondo intero dal nazismo.
Come potete immaginare, ammazzare il capo di stato non sarà una cosa semplice, considerando che dalla sua Hitler avrà il supporto dell’esercito: dovrete definire un piano, trovare le risorse necessarie (armi? documenti? veleno? - a voi la scelta), essere nel posto giusto al momento giusto e fare in modo che un singolo tiro di dadi vi assicuri il successo. Fermarlo è possibile, basta esserne convinti e mettere a disposizione ciò che avete di più caro: la libertà.

Tia

Tia

Godo nel mescolare le carte appena imbustate. Annuso fumetti. A volte ho del tempo libero.

black orchestra

Il consiglio di Fora

cover

Spirit Island

CooperativoGestione manoAsimmetrico

Qual è il livello di difficoltà a cui stiamo giocando?

Fora 06/12/02021

Alla fine sono arrivati anche sulla vostra isola. Con le loro navi, con la loro industrializzazione, con la loro crudeltà. L’isola stessa sta rischiando di soccombere agli invasori
A questa richiesta d’aiuto a 360º potete rispondere solo voi, gli antichi spiriti!
Utilizzando le antiche forze in vostro possesso, avrete la possibilità, ma soprattutto la responsabilità - grazie a maremoti, psicosi di massa, eruzioni vulcaniche - di incutere tanta paura nei vostri nemici da convincerli ad andarsene via come sono arrivati.
Non sarà così facile come sembra, però. Questi invasori stanno trasformando l’isola secondo le loro esigenze e la loro cultura: questo significa che siete in lotta contro il tempo. Se le antiche vie dovessero essere dimenticate, anche voi sparirete!

Fora

Fora

Amante dei coop che ogni tanto si perde così tanto nei giochi che non scrive le biografie in tempo.

spirit island

Il consiglio di Dadi-Daddy

cover

Ta-Pum

CooperativoLimiti alla comunicazionePush your luckGestione mano

Quando sei dietro a quel muretto, soldatino non puoi più parlar! Ta pum, ta pum, ta pum, ta pum...

Dadi-Daddy 25/05/02022

Può l’amicizia essere più forte della guerra? Scopritelo insieme in questo cooperativo minimalista ma profondo, deliziosamente illustrato dal compianto Bernard Verlhac (il Tignous di Charlie Hebdo), dove dovrete aiutarvi a vicenda per sopravvivere alla dura vita di una fangosa trincea della prima guerra mondiale.
In Ta-Pum! dovrete affrontare una serie di sfide nel corso di vari turni: neve, pioggia, gas, traumi, assalti e bombe. Le sfide verranno pescate dal mazzo Tribolazioni: esaurite questo mazzo per vincere la partita, prestando attenzione a non esaurire, invece, quello del morale e gestendo attentamente le vostre ristrette scorte di caffè e discorsi di incoraggiamento.
Ta-Pum! vi insegnerà una verità fondamentale che altri cooperativi declinano in modo meno efficace e che i giochi competitivi per forza di cose ignorano: per la vittoria di tutti ognuno deve farsi carico del benessere degli altri, prima che del proprio. Certo, soccorrere chi sta peggio non significa per forza che chi aiuta stia meglio. Ma è proprio lì che si gioca tutto: nell’esserci per gli altri al momento del bisogno! Alla guerra si reagisce e si sopravvive con l’amicizia!

Dadi-Daddy

Dadi-Daddy

Neopapà costantemente derubato dei dadi di tutti i suoi giochi dal loquace figlio di un anno.

ta pum

Il consiglio di Angelo M Pero

cover

Atlantis Rising

SopravvivenzaCooperativoGestione risorseUso di dadi

Innumerevoli sono le leggende che narrano del mito di Atlantide ed ognuna racconta una versione diversa su come sia nata, ma tutte concordano sulla sua fine…

Eris.in.Boardgameland 02/05/02022

La città di Atlantide è sull'orlo della fine. L'unica possibilità di salvezza per i suoi abitanti è fare fronte comune contro il susseguirsi di catastrofi e costruire i componenti di un portale che li trasporterà su lidi più favorevoli.
In Atlantis Rising assumerete il ruolo di leader degli Atlantidei: personalità di spicco della città con un seguito di meeple che andranno distribuiti sulla mappa componibile a raccogliere le risorse utili per costruire il portale. Più in là vi spingerete, maggiori saranno le probabilità di successo e di guadagno, come più alto sarà anche il rischio di essere colpiti da una calamità. Solo un gruppo ben coordinato, fatto di freddi calcolatori e di amanti del rischio, riuscirà a mettere in salvo la popolazione prima che i cataclismi si abbattano sul centro dell'isola.
Atlantis Rising può godere di meccaniche semplici e di una componentistica fuori dal comune, che agendo in tandem riescono a trasmettere perfettamente la tensione data dall'incombere delle calamità. Per tutta la partita si ha davvero l'impressione che ci siano delle persone la cui sopravvivenza dipende dalla propria capacità decisionale.
Tanti livelli di difficoltà e un'ottima scalabilità (per non parlare delle illustrazioni di Vincent Dutrait) sono solo la ciliegina sulla torta di un titolo che accontenterà famiglie, principianti e giocatori esperti.

Angelo M Pero

Angelo M Pero

Dopo aver lasciato gli studi in Lettere per incompatibilità di carattere, deve ancora capire cosa fare nella vita. Nel frattempo si diletta nella scrittura e nei giochi da tavolo. Ama i vampiri e il Giappone.

atlantis rising